gli amici di gesu

 

 

I VANGELI 

I SANTI

I PAPI

SPIRITUALITA'

AVVENIMENTI  RICORRENZE  ARCHEOLOGIA  POSTA  TERRA SANTA

SANTUARI  FOTO  LA CHIESA

SAINT VINCENT DE PAUL

...Ecco io sto alla porta e busso. Se uno udendo la mia voce, mi aprirà la porta,io entrerò da lui e cenerò con lui ed egli con me.

Ap. 3,20

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

20 febbraio

 

 

 

SANT'ELEUTERIO

                                                                                                                       

vescovo martire a Costantinopoli, celebrato il 20 febbraio assieme a Eleuterio di Tournai

 era senatore e morì a Costantino­poli, decapitato per ordine dell'imperatore Mas­simiano Galerio

http://www.santiebeati.it

 

 

 

SAN LUCA

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il Natale di solito è una festa rumorosa; ci farebbe bene un po' di silenzio per ascoltare la voce dell'amore.

                                                                                                                                    Papa Francesco

 

 

Credo in un solo Dio, Padre Onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili...

 

 

Lo spirito del Signore Dio è su di me,/perché il Signore mi ha consacrato con l'unzione,/ mi ha inviato ad evangelizzare gli umili,/ a fasciare quelli che hanno il cuore spezzato,/a proclamare la libertà ai deportati, la liberazione ai prigionieri,/ a proclamare l'anno di grazia da parte/ del Signore,/ un giorno di vendetta da parte/ del nostro Dio;/per consolare tutti gli afflitti,/ per allietare gli afflitti di Sion,/ per dare loro una corona invece/ della cenere,/ olio di letizia invece di un abito di lutto,/ lode invece di uno spirito abbattuto.......Isaia 61

 

 

 

 ...Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri, come io vi ho amati. Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici. Voi siete miei amici, se farete ciò che vi comando. Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamati amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre l'ho fatto conoscere a voi. Non voi avete scelto me, ma io ho scelto voi e vi ho costituiti perché andiate e portiate frutto e il vostro frutto rimanga; perché tutto quello che chiederete al Padre nel mio nome, ve lo conceda. Questo vi comando: amatevi gli uni gli altri. Gv 15, 12-17

 

 

 Gesù Misericordioso

 

SALMO 1

 

Beato l'uomo che non segue

il consiglio degli empi,

non si ferma sulla via dei peccatori

e non siede in compagnia

degli insolenti;

ma trova la sua gioia nella legge

del Signore

e sulla sua legge medita giorno e notte.

Egli sarà come un albero

piantato lungo corsi d'acqua,

che dà i suoi frutti nella sua stagione

e le sue foglie non appassiscono:

in ogni cosa che fa, egli ha sempre successo.

Non così gli empi:

essi al contrario saranno come pula

che il vento sospinge.

Per questo gli empi non potranno

alzarsi nel giudizio,

né i peccatori nell'assemblea dei giusti.

Perché il Signore conosce la via dei giusti,

mentre la via degli empi andrà in rovina.

 

SONO LE RADICI CHE FANNO FORTI GLI ALBERI

 

fatima

 

 

Un uomo ha il diritto di guardare un altro uomo dall'alto verso il basso solo quando lo aiuta a rialzarsi

 

Non guardare sempre nello specchietto retrovisore, perderesti di vista il panorama!

 

 

Jorge Bergoglio nuovo Papa Francesco

con il vescovo emerito Benedetto XVI

 

Due Papi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

dal Vangelo di Luca 9,18-22

18Un giorno Gesù si trovava in un luogo isolato a pregare. I discepoli erano con lui e egli fece loro questa domanda. "Chi sono io secondo la gente?". 19 Essi risposero; "Per alcuni Giovanni il Battista, per altri Elia, per altri uno degli antichi profeti che è risorto". 20Allora domandò: "Ma voi chi dite che io sia?". Pietro, prendendo la parola, rispose: "Il Cristo di Dio". 21Allora ordinò loro di non dire niente a nessuno, 22e aggiunse: "E' necessario che il Figlio dell'uomo soffra molto, sia condannato dagli anziani, dai sommi sacerdoti e dagli scribi, sia messo a morte e risorga il terzo giorno".

 

 

 

 

 

OSA CREDERE

Osa credere che c'è un canto nel tuo cuore.

Osa credere nei tuoi desideri.

Finché hai il coraggio di credere,

niente potrà impedirti di giocare il ruolo che vuoi.

Troppe persone finiscono su una strada sbagliata

fuorviate da un granello di dubbio.

Il destino può cambiare.

Il sole è già alto sul giorno che è nato.

Troppi dicono che tutto va bene e non capiscono perché si dovrebbe cambiare.

Troppi nascondono il loro splendore sotto macigni di sofferenza.

Noi non dobbiamo chinare la testa,

alziamoci invece cantando di gioia.

Non c'è momento migliore dell'istante presente.

Avanzerò senza sosta, adesso che so di aver trovato

qualcosa che mi appartiene.

J. TODA

 

 

per non dimenticare

 

Auschwitx - Birkenau

 

     

Anche se in un’atmosfera ovattata,

i luoghi visitati in religioso silenzio,

rotto solo dal rumore delle scarpe

sul selciato e dagli scatti fotografici,

hanno provocato qualcosa di impalpabile

nei nostri cuori: una stretta,

uno stato di angoscia,

la cui via di liberazione non poteva essere

 se non il pianto!”

              

inviato da Giovanni

       

 

 

 

Contatore visite

 

Giovanna ci invia:

 

Signore, aiutami a dire la verità davanti ai forti e a non mentire per avere l'applauso dei deboli.

Se mi dai fortuna, non togliermi la ragione.

Se non ho fortuna, dammi la forza per trionfare sul fallimento.

Se mi dai successo, non togliermi l'umiltà.

Se mi dai l'umiltà, non togliermi la dignità.

Se sarò in difetto con la gente, dammi il coraggio di chiedere scusa e se la gente mancherà con me dammi il coraggio di perdonare.

Signore, se mi dimentico di te, non ti dimenticare di m

 

                                                                                                                                            GANDHI

 

Fabrizio ci invia una piccola riflessione:

Catania, 27/02/2013
Dando uno sguardo alla quotidianità, mi accorgo sempre più che le persone,
sono diventate delle macchine tecnologiche, al tal punto da essere programmate
solo per la produttività …..tutti di corsa contro il tempo,molte volte senza la
necessaria esigenza o motivazione ,sono così presi, da non essere più in grado
di soffermarsi, neanche al più semplice gesto, poi di rientro alle loro case non
rimarrà altro che rifocillarsi e riposare per riprendere nuovamente a correre
il giorno successivo. Se in caso contrario, si trovasse il tempo di
soffermarsi, si riuscirebbe a carpire anche il più innocente degli avvenimenti
che la natura è in grado di offrire ……..
 

 

 

 Amalia ci invia questa poesia composta da una bambina affetta da cancro.

 

 

Il cuore più bello del mondo

 C’era una volta un giovane in mezzo a una piazza gremita di persone: diceva di avere il cuore più bello del mondo, o quantomeno della vallata.

Tutti quanti gliel’ammiravano: era davvero perfetto, senza alcun minimo difetto. Erano tutti concordi nell’ammettere che quello era proprio il cuore più bello che avessero mai visto in vita loro, e più lo dicevano, più il giovane s’insuperbiva e si vantava di quel suo cuore meraviglioso.

All’improvviso spuntò fuori dal nulla un vecchio, che emergendo dalla folla disse: “beh, a dire il vero… il tuo cuore è molto meno bello del mio”.

Quando lo mostrò, aveva puntato addosso gli occhi di tutti: della folla, e del ragazzo. Certo, quel cuore batteva forte, ma era ricoperto di cicatrici. C’erano zone dove dalle quali erano stati asportati dei pezzi e rimpiazzati con altri, ma non combaciavano bene – così il cuore risultava tutto bitorzoluto. Per giunta, era pieno di grossi buchi dove mancavano interi pezzi.

Così tutti quanti osservavano il vecchio, colmi di perplessità, domandandosi come potesse affermare che il suo cuore fosse bello.

Il giovane guardò com’era ridotto quel vecchio e scoppiò a ridere: “starai scherzando!”, disse. “Confronta il tuo cuore col mio: il mio è perfetto, mentre il tuo è un rattoppo di ferite e lacrime”.

“Vero”, ammise il vecchio . “Il tuo ha un aspetto assolutamente perfetto, ma non farei mai a cambio con il mio. Vedi, ciascuna ferita rappresenta una persona alla quale ho donato il mio amore: ho staccato un pezzo del mio cuore e gliel’ho dato, e spesso ne ho ricevuto in cambio un pezzo del loro cuore, a colmare il vuoto lasciato nel mio cuore. Ma, certo, ciò che dai non è mai esattamente uguale a ciò che ricevi -  e così ho qualche bitorzolo, a cui sono affezionato, però: ciascuno mi ricorda l’amore che ho condiviso.

Altre volte invece ho dato via pezzi del mio cuore a persone che non mi hanno corrisposto: questo ti spiega le voragini. Amare è rischioso, certo, ma per quanto dolorose siano queste voragini che rimangono aperte nel mio cuore, mi ricordano sempre l’amore che provo anche per queste persone… e chissà? Forse un giorno ritorneranno, e magari colmeranno quello spazio che ho riservato per loro. Comprendi, adesso, che cosa sia la vera bellezza?” Il giovane era rimasto senza parole, e lacrime copiose gli rigavano il volto. Prese un pezzo del proprio cuore, andò incontro al vecchio, e gliel’offrì con le mani che tremavano. Il vecchio lo accettò, lo mise nel suo cuore, poi prese un pezzo del suo vecchio cuore rattoppato e con esso colmò la ferita rimasta aperta nel cuore del giovane. Ci entrava, ma non combaciava perfettamente, faceva un piccolo bitorzolo.

Il giovane guardò il suo cuore, che non era più il cuore più bello del mondo”, eppure lo trovava più meraviglioso che mai: perché l’amore del vecchio ora scorreva dentro di lui.

inviata da Maria C.

 

 

 

 

Leggendo in giro.

ACCADE A FAVARA

IN 200 INVITATI A CENA DAI FRATI, MA PER DIGIUNARE

In duecento erano stati invitati a cena dai Frati francescani. Un momento di socializzazione, hanno pensato i parrocchiani che ben volentieri hanno risposto all'invito. Con loro l'arciprete, altri parroci e molti giovani . Nessuno si è presentato a mani vuote, chi ha portato una bottiglia di vino, un liquore o uno spumante, ed anche manicaretti e dolci fatti in casa. Insomma tutto come da buona tradizione siciliana. Immaginate quindi la grande sorpresa, lo stupore e il forte imbarazzo quando, entrati nella sala del convento, gli invitati non hanno trovato la tavola imbandita. Certo i francescani sono votati alla povertà ma nella sala non c'era niente, non mancavano solo i piatti, bicchieri o posate, mancava proprio la tavola, solo sedie disposte a cerchio. Scioccante nella sua semplicità ma efficace, un pranzo senza portate per focalizzare l'attenzione sul dramma della fame patita da milioni di persone nel mondo. E la provocazione dei seguaci del poverello d'Assisi è andata oltre. Dopo aver fatto sedere tutti e proiettato crudissime immagini di fame e povertà, dall'altra parte della sala è stata scoperta una ricchissima tavola con ogni bendi Dio. Tutto a posto allora?! Niente affatto nella tavola c'erano disponibili solo 15 posti. E siccome si nasce poveri o ricchi non per libera scelta, i fraticelli hanno fatto prendere da uno scatolino ad ogni invitato una bandierina dei 201 Stati del mondo, solo chi ha avuto la fortuna di pescare quella di uno Stato ricco si è seduto a tavola a mangiare, per tutti gli altri solo una manciata di riso, quello che per milioni di persone, è l'unico pasto quotidiano. Poi fra' Alessandro, il guardiano del convento, ha chiesto ad ognuno, povero o ricco di fare quello che si sentiva in quel momento. I 15 fortunati hanno diviso il loro cibo con gli altri, alcuni se ne sono anche privati per darlo all'altro. Ma questo è il lieto fine del convento di Favara, non certo quello che succede nel mondo.

       "La Sicilia"                                                                                      GIUSEPPE MOSCATO

 

La vita è un’opportunità, coglila.

La vita è bellezza,ammirala.

La vita è beatitudine, assaporala.

La vita è un sogno, fanne una realtà.

La vita è una sfida, affrontala.

La vita è un dovere, compilo.

La vita è un gioco, giocalo.

La vita è preziosa, abbine cura.

La vita è una ricchezza, conservala.

La vita è amore, godine.

La vita è un mistero, scoprilo.

La vita è promessa, adempila.

La vita è tristezza, superala.

La vita è un inno, cantalo.

La vita è una lotta, combattila.

La vita è una avventura, corrila.

La vita è felicità, meritala.

La vita è la vita, difendila.

 

                                                                                   Madre Teresa di Calcutta

 

 

 

 

 

 

 

Per sapere qualcosa in più:

www.gianfrancotroina.org

 

 

 

 

 

 

MARIA C.

ci invia questa storia che ci può far sorridere ma anche meditare!

 

L'Assicurazione

C'era una volta un brav'uomo che si chiamava Romoletto
e abitava in una casetta sulle rive del fiume Tevere.
Aveva piovuto tanto per quasi una settimana e il Tevere si era gonfiato abbastanza.
La casa di Romoletto era in pericolo, infatti il notiziario lo spaventò un po':
" Tutti coloro che abitano nelle vicinanze del Tevere devono lasciare le loro abitazioni:
stà per arrivare una piena del fiume"
Romoletto era molto pio e aveva una grande fiducia nel Signore.
Così si inginocchiò e cominciò a pregare." Signore salvami !"
In quel momento sentì una voce proveniente dall'alto.
" Non avere paura, Romoletto ! Ci penso io a te !"
Era la voce del Signore.
Romoletto, pieno di gioia, si rialzò
e continuò a fare i suoi lavori in casa, come se niente fosse.
Intanto il fiume gonfiando entrò in casa,
l'acqua del fiume gli arrivò quasi alle spalle, ma lui era tranquillo.
Passò una lancia dei pompieri, uno di essi gli gridò:
" Presto venga via con noi ! E' pericoloso rimanere qui ".
" No ho un'assicurazione superiore !"
Rispose Romoletto, indicando il cielo.
Con il passare delle ore l'acqua si alzava sempre di più,
tanto che fu costretto a salire in soffitta.
Passò una barca della Protezione Civile e una voce gridò :
" Venga via subito ! L'acqua salirà ancora !"
Romoletto rifiutò ostinatamente:
" Ho un protettore, io !" Rispondeva.
L'acqua lo raggiunse in soffitta e lui salì sul tetto.
Passo di lì un gommone della Croce Rossa che cercava gli ultimi da salvare,
invano cercarono di portarlo via,
ma lui si attaccò al camino come un caprifoglio ad un albero dicendo
" Non ne ho bisogno ! Ho chi mi salva, io !"
Purtroppo l'acqua si alzò al punto che Romoletto annegò.
Appena si trovò in Paradiso, Romoletto andò su tutte le furie,
si presentò dal Signore e protestò
" Hai detto che pensavi a me ? E invece sono bell'e morto !"
Il Signore lo fissò con il suo sguardo pieno di bontà e gli rispose
" Ma io ho pensato a te, Romoletto. Tre barche ti ho mandato !"

Il Signore ci aiuta attraverso gli altri, impariamo ad avere fiducia in Lui
e in chi ci manda a darci una mano.

 

 

 

 

 

                           

 

 

 

 

MEGLIO PERDERE CON TE "SIGNORE" CHE VINCERE SENZA DI TE!

 

La Madonna di Madjugorje

 

                                                                                             

 

 


  

Epilogo: vi è una tremenda felicità nel rendere felici gli altri, anche
a dispetto della nostra situazione.
  Un dolore diviso è dimezzato, ma la felicità divisa è raddoppiata.
 
 Se vuoi sentirti ricco pensa alle cose che possiedi e che il denaro non
 può comprare.
 L'oggi è un dono, è per questo motivo che si chiama presente.
  Non tenere questa lettera, spediscila agli amici ai quali vuoi augurare
 buona fortuna.
 

 

L'uomo ha la consapevolezza del proprio esistere, ma è il venire riconosciuti a renderci umani

                                                                                                                                                                                                Giovanni

        

Un sogno

Un cancello meraviglioso. Fuori: un giardino con piante, fiori, uccelli, vegetazione eccezionale, una temperatura incantevole. Il sole si faceva tutto d'oro; sembrava il luogo più accogliente. Si aspettava che passassero gli anni e, dopo l'attesa, finalmente l'erede! Un ragazzo di 12 anni, simpatico, allegro e vivace. Si seppe nei dintorni che in quel castello era arrivato l'erede. Curiosi di conoscerlo, andarono tanti...

Il ragazzino osservava. Dove vedeva persone non s'intrometteva, dove vedeva vecchietrti indicava la strada, aiutava i più deboli a camminare, e contemporaneamente domandava (senza farsi riconoscere): "Perché venite? Cosa volete?". Le persone rispondevano: "Vogliamo conoscere l'erede, vogliamo fargli tanti auguri" Il ragazzo prese l'atteggiamento di servire, prendendo dal castello le cose che potevano far comodo ai venuti, offriva quello che aveva: Intanto le persone che erano entrate nel castello uscivano dicendo: "Ma non si vede l'erede! Abbiamo cercato, siamo stanchi di cercare, dov'é? Saremmo felici se lo vedessimo!". Il ragazzo sentiva, ma continuava a servire, a dare quello che meglio gradivano le persone. Le vecchiette si consolavano con quel ragazzo che le faceva contente, e dicevano: "Ma l'erede dov'è?". Dopo tanto parlare, le persone, soddisfatte dell'accoglienza sentirono il ragazzo: "Non cercate più: l'erede è tra tutti noi. "Ma noi vogliamo conoscerlo!" dicevano tutti. "Sentite - riprese il ragazzo - gli avete voluto tanto bene da venire fino qui, affaticandovi e pieni di buona volontà; siete stati felici dell'accoglienza. Rimanete qui: è vostro il castello con i suoi dintorni. Io darò sempre il vostro servitore". "Ma l'erede? Vogliamo conoscerlo!" E il ragazzo: "L'erede, anzi, gli eredi siete voi! Voi che siete venuti!".     

 

 

                                                                                 

 

 

Per i vostri pensieri e le vostre meditazioni, scrivete a: raineri.gio@alice.it

 

 

 

 

   

 

 

 

 


 

 

Cerca un Sito Cattolico


Google Custom Search

 

 

 

La Chiesa in missione presso i malati

I malati a Lourdes si sentono a casa propria.La prima guarigione ebbe luogo il 1° marzo 1958. Da allora, inspiegabilmente, "miracolo" e "Lourdes" sono associati. Ma questo diventa, al tempo stesso, comprensibile ma anche rischioso. Comprensibile: dato che continuano ad esserci guarigioni straordinarie; rischioso: perché Lourdes non deve far nascere false speranze in alcuni, ma la grazia di Lourdes è possibile per tutti; i malati devono poter trovare la forza anche quando non ricevono la guarigione della loro malattia. La guarigione si deve capirla sotto tante forme...

Lourdes ricorda il pellegrinaggio del 14 e 15 agosto 2004, di Giovanni Paolo II, allora già molto malato: fu una testimonianza vivente per tutti i fratelli e sorelle malati e disabili.

"Chi ha percepito il profumo di Lourdes non potrà più dimenticarlo per tutta la durata della vita!"